Facebook   Twitter   You Tube   Instagram   Vimeo

Stories

L'Associazione Culturale ExMarmi ha ospitato dal 13 al 27 ottobre 2012, nel suo complesso post-industriale a Pietrasanta, la mostra personale di Federico Neri, fotografo professionista con certificazione Qualified Italian Photographer in Reportage (Q.I.P.) assegnata dal Fondo Internazionale Orvieto Fotografia.



Il lavoro di Federico Neri spazia dalla fotografia di reportage a quella naturalistica, dalla fotografia di paesaggio a quella di spettacolo, senza tralasciare la ricerca artistica personale.



Ha fotografato come freelance o per agenzie in vari paesi del mondo tra cui Germania, Francia, Grecia, Norvegia, Kenya, Spagna, Tanzania, Repubblica Dominicana, St. Marteen, Scozia, Guadalupa, Antigua, Stati Uniti, Seychelles, Turchia, Portogallo, Marocco, Inghilterra, Oman, Emirati Arabi Uniti, Olanda.



La mostra che ExMarmi ha presentato si articola in 5 micro storie, recenti e non: “Baccanalsamba”, “De atra nupta”, “B-side Versilia”, “Servizio clienti” e “Fairy Girl”.







“Baccanalsamba” è un reportage notturno realizzato nei rioni di Viareggio durante il Carnevale.
Federico Neri si è immerso nell'allegria euforica e rumorosa della festa, in cui la folla si muove all'unisono, come un corpo unico che esegue una danza tribale spinto dall'energia dell'evento.
Resistendo al contagio, ha realizzato un reportage ritrattistico delle persone incontrate, estraniandole dal contesto e catturandone l'anima attraverso sguardi ed atteggiamenti.
Afferma l'autore: “In ogni singolo scatto, in ogni frazione di secondo, per un fugace istante sono entrato in sintonia con ognuno di loro assaporandone emozioni ed espressioni irripetibili, regalandomi la gioia di farlo”.
Con questo lavoro Federico Neri ha ottenuto nel 2010 la qualifica Q.I.P. presso il Fondo Internazionale Orvieto Fotografia.





“De atra nupta” è una storia costruita partendo dall'analisi della tendenza attuale senza lieto fine del matrimonio.
La sposa suicida che ne è protagonista compie un percorso fatto di disillusioni, verso i beni materiali e quelle che la società considera le tappe di autoaffermazione dell'individuo (il matrimonio come un traguardo, la cerimonia come un rituale di spettacolo), e intraprende un'analisi profonda della felicità (la sua essenza, il suo valore, il suo significato) che la porterà ad un tragico epilogo.
Così Federico Neri ne illustra il destino nel concept della storia: “Le crollò il mondo addosso, non riuscì a reggere quest'ennesima delusione, abbandonò la sua festa, sparì in silenzio, scappò da tutto e da tutti, definitivamente, nella maniera più atroce”.





“B-side Versilia” è un reportage urbano che offre una visione alternativa della Versilia qual è conosciuta in estate.
L'autore ci svela una terra che, al di là della perfetta facciata costiera di cui gode il facoltoso bagnante estivo, è ferita dallo sfruttamento edilizio e dagli interessi politici ed economici.
Gli scatti, realizzati in diapositiva 120 con una Toy Camera, restituiscono un'immagine cruda e reale dei “luoghi comuni, abituali, che ignoriamo del tutto ma, incapaci di vedere, viviamo quotidianamente. Anche questa è Versilia”.







“Servizio clienti” è un reportage non ancora concluso sul mondo che gravita intorno a supermercati e centri commerciali: lavoratori extracomunitari, poveri ed emarginati.
La macchina fotografica, che all'inizio è guardata con sospetto e diffidenza, diventa poi lo strumento con cui queste persone si mostrano, perchè attraverso di esso riconquistano visibilità e considerazione.
La fotografia ridona loro la dignità umana che la società gli nega.









“Fairy Girl”, infine, è un omaggio di Federico Neri alla cantante Elisa, che ha avuto modo di conoscere e fotografare.





Un testo di Federico Neri e Francesca Ceccherini.
Un ringraziamento particolare va ad ExMarmi, al direttore artistico Lorenzo Martino Toni, alla preziosa collaborazione di Monika Swierz, ed allo sponsor "VP Photo fine art print", per aver eseguito la splendida stampa delle opere esposte.